Aiuto le aziende commerciali a vendere di più e meglio attraverso attività innovative di formazione, comunicazione e marketing on line e off line. Specializzata nel mercato dell'ottica.

Molto presto, una mattina di questa settimana ho scritto un articolo dal titolo “Tre insegnamenti di coaching (più uno) di Kung Fu Panda 3” ispirata dal film che avevo visto il giorno prima con mio figlio. L’articolo ha avuto, con mia grande gioia, un discreto seguito e, tra i vari commenti, uno mi chiedeva di dare delucidazioni sulle differenze tra coach, formatore, consulente e altre figure apparentemente simili che attualmente popolano il panorama delle professioni d’aiuto e consulenziali. Credo che l’autore del commento (che di professione fa per l’appunto il coach e il formatore) volesse più mettere alla prova la mia competenza che avere una risposta, in ogni caso mi ha dato lo spunto per questo nuovo pezzo in cui illustrare sinteticamente di cosa stiamo parlando.

Il Coach

Il coach è un “allenatore”, una persona che ti aiuta a esprimere al meglio le tue potenzialità per permetterti di raggiungere degli obiettivi in uno specifico ambito.

Il Formatore

Il formatore è una persona che “insegna” o “forma” trasmettendo competenze specifiche su un determinato tema.

Il Consulente

Il consulente è qualcuno che ti affianca e per l’appunto ti consiglia nell’attuazione di attività o strategie in una specifica materia.

Il Counsellor

Il counsellor dovrebbe essere uno psicologo che in un rapporto di tipo terapeutico aiuta il paziente a “prendere decisioni riguardo a scelte di carattere personale o a problemi o difficoltà speciali che lo riguardano direttamente” (questa definizione è di Burnett).

Il Mentor

Il mentor è colui che opera secondo una metodologia formativa chiamata mentoring che mette al centro la relazione tra un soggetto con più esperienza e uno con meno esperienza. Nel rapporto di mentoring l’obiettivo è quello di fornire alla figura junior competenza, sicurezza e autostima in un determinato contesto formativo o sociale.

Credo che a seconda delle competenze e degli ambiti di attività, in alcuni casi lo stesso professionista possa operare sia come coach che come formatore o come consulente, utilizzando la propria esperienza con approcci differenti. La differenza tra i vari ruoli consiste, in buona parte, non in competenze di merito ma nella conoscenza di specifiche strategie relazionali o di azioni. Può quindi essere assolutamente plausibile (anzi spesso viene molto naturale padroneggiando la tecnica) che la stessa persona possa decidere di trasmettere le proprie competenze o fornire il proprio supporto con un approccio piuttosto che un’altro.

Provo a fare un esempio basato sulla mia esperienza personale.

Io opero come COACH quando aiuto professionisti che non hanno bisogno di acquisire nuove competenze verticali a focalizzarsi sui propri valori aggiunti e definire più chiaramente i propri obiettivi per tradurli in una strategia di personal branding.

Sono FORMATRICE quando insegno a queste (o altre) persone a cosa serve il personal branding o il retail marketing e quali sono e come funzionano gli strumenti che servono per costruirli in modo efficace.

Sono CONSULENTE quando mi siedo alla scrivani con un imprenditore e analizzando i suoi obiettivi e le sue opportunità costruisco per la sua impresa un piano di comunicazione efficace.

Potrei diventare MENTOR per un mio collaboratore, ad esempio, a cui voglio “insegnare” il mestiere durante un percorso di affiancamento.

Se avessimo fatto tutte le cose di cui siamo capaci, ci saremmo sorpresi di noi stessi. Thomas Edison

Credo che l’intento comune di queste professioni o approcci, a seconda di come li si vogliano vedere, sia quello di aiutare persone e organizzazioni ad affrontare il cambiamento, a stabilire percorsi di crescita e di miglioramento: come dice Edison andare verso la valorizzazione di tutte le potenzialità umane, che siano fisiche, che intellettuali, che emotive, orientate alla crescita e – speriamo – al bene e alla bellezza.

[questo post è stato pubblicato originariamente su LinkedIn a maggio 2016]
By | 2017-06-17T14:47:48+00:00 gennaio 30th, 2017|Marketing Digitale, Sviluppo personale|0 Comments

About the Author:

Classe 1975, imprenditrice a 20 anni, mamma a 34, ho sviluppato il primo sito web da sola con BloccoNote nel 1997 e da allora ho sempre vissuto on line. Mi occupo di marketing (soprattutto digitale) e di comunicazione (soprattutto aziendale). L’avvento dei social network mi ha portato a sviluppare la convinzione che al centro del successo ci siano sempre le persone. In questi anni ha collaborato con oltre 300 aziende della distribuzione commerciale in Italia e all’estero. Titolare, insieme ad Ercole Renzi, dell’agenzia Sr Comunicazione opera ogni giorno per aituare le persone e le aziende a comunicare meglio online e offline e lavorare meglio, guadagnare di più ed essere un più felici.

Leave A Comment