Ci sono varie cose che mi piacciono della mia professione. La prima, forse la più importante, è che non ha un nome: so di conoscere piuttosto bene alcuni settori e alcuni argomenti, so di essere in grado di risolvere problemi e realizzare progetti di un alcune specifiche tipologie, so che non smetto mai di appassionarmi alle cose e di studiare e ricercare nuovi approfondimenti e nuovi stimoli.

Il punto di congiunzione di tutto è la mia passione per la comunicazione, intesa come capacità di trasmettere significato e mettere in relazione le persone, e per la bellezza, intesa come equilibrio estetico ed etico, emozione, positività.

Questo mi porta ad emozionarmi quando entro in contatto con chi condivide questo spirito, questo desiderio di creazione che dovrebbe – secondo me – stare alla base non soltanto della professione del comunicatore ma, in generale, di ogni imprenditori.

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
30

 

 

Ed è seguendo questo istinto che sono stata felice di pensare un progetto di marketing con un’imprenditrice lucana, Luciana Ricciuti, ottica di seconda generazione, che sta realizzando il suo sogno con il lancio della sua linea di occhiali, realizzati artigianalmente in Italia con materiali, design e fattura di prima qualità. E, nel realizzare questo percorso, ho voluto andare alla fonte e capire cosa ci fosse dietro e dentro questo progetto: non soltanto rispondere a una domanda, quindi, ma vivere l’evento in prima persona, per poter davvero ideare qualcosa di efficace. Mi sono ritrovata a scoprire la mia “fabbrica di cioccolato”, per quanto io adori gli occhiali, e camminare tra lastre Mazzucchelli vintage (le lastre gli acetati che vengono utilizzati per realizzare gli occhiali prima che vengano lavorati), prototipi, pezzi più o meno rifiniti e montature pronte per la consegna.

Non era previsto in questa visita e non ero attrezzata a dovere, ma ho voluto realizzare una piccola intervista video e un piccolo servizio fotografico, per cui ringrazio Claudio Bru che ha saputo trasformare in fotografie semplici scatti da cellulare, che rimanesse a testimonianza e racconto di cosa ho visto in questo primo incontro con la 1955 srl.